27-28/10/2007 Concerto Nobuo Uematsu a Firenze (Italia)

e594bb0728433588259d9a27999dea06.jpg

27/10/2007: Sveglia alle 04:30 per preparare gli ultimi oggetti, un saluto ai parenti ancora mezzi addormantati e si parte, nel buio della notte verso la stazione ferroviaria “Roma Termini”.

Arrivato lì, ho trovato subito il treno Roma-Firenze. A pochi minuti dalla partenza del treno, mi sono diretto al binario e mi sono “accampato” nel posto a me più favorevole. Partenza stranamente puntuale. La prima ora di viaggio è passata leggendo giornali. Le altre 2 ore, sono passate grazie al mio lettore MP3 con il quale ho ascoltato tutti i brani che di lì a poco avrei avuto l’ emozione di viverli di persona. L’ ultima ora è stata la più snervante, in cui il corpo inizia a risentire delle scomodità delle poltrone e allora ho iniziato a fantasticare sui nomi delle stazioni in cui il treno si fermava (lo stress fisico stava sicuramente intaccando anche le mie capacità mentali). Ore 09:52 il treno, si ferma all’ ultima stazione, Scendo dal vagone e ci metto molti secondi prima di riprendere il controllo completo delle mie gambe, fatto questo inzio a cercare l’ uscita dalla stazione..

Appena fuori dalla stazione e mappa alla mano mi metto subito a cercare la Fortezza da Basso per poter ritirare i biglietti e asisstere alle prove. Trovo in pochi minuti l’ entrata della firera. Subito vengo in possesso di un’ altra cartina: la mappa dell’ intera fiera. ricordando le parole del sito di prevendita dei biglietti, corro allo stand di “intoscana.it” per poter stringere tra le mani, i biglietti veri e propri:” Mi scusi, ho comprato i biglietti per il concerto di Nobuo Uematsu via internet, è quì che devo ritirarli?” questa era la mia domanda posta alla gentile ragazza dello stand. Mi viene risposto di dover aspettare l’ apertura del botteghino di fronte al tendone Circus circa un paio di ore prima delle prove. Porgo un ‘ altra domanda:” Senta, e iovece per le magliette omaggio?” Lei ancora una volta, con la faccia un pò perplessa mi dice:”Non sò niente! Noi le magliette le vendiamo solo!” Ringrazio e mi vado ad accertare della precisa posizione del suddetto Circus. Dopo aver “ispezionato” la zona, decido di mettere mano agli approvigionamenti. Intanto mi diverto a girovagare per la fiera. Alle 13:00 ritorno davanti all’ entrata del Circus per poter, magari, vedere qualcuno prima dell’ inzio dell prove. Mentre esamino ogni minimo movimento intorno al tendone, mi accorgo che manca ormai meno di 1 ora all’ inizio delle prove. Torno in tutta fretta allo stand, e mentre mi avvicino, una ragazza mi chiama:” Ragazzo! Eri quello delle magliette?” Sembra che finalmente siano arrivate anche a loro le direttive, dico tra me e me. Dopo avergli fatto vedere le ricevute di pagamento dei biglietti mi porge la strepitosa maglia e mi dice:” Lo spettacolo è stato spostato in un diverso stand.” Un’ altra ragazza si avvicina e mi mostra sulla cartina il punto esatto.

Riconosco il posto grazie a dei ragazzi che indossano la stessa maglietta ricevuta poco fà. Mi rilasso assolutamnete e ascolto le varie conversazioni degli altri ragazzi e ragazze in fila. Alle 15:00 (ora prevista delle prove) non sono ancora aperte le porte ma circa nello stesso orario vediamo passare a poche decine di metri dalla fila il Maestro! Il primo incontro con Nobuo Uematsu. Finalmente viene posizionato un banchetto per ottenere i biglietti. Ormai l’ emozione è troppa e il tempo non ha più senso, quindi dopo un pò vengono spalancate le ante di quel grande capannone e pochi istanti dopo essermi seduto in seconda fila appare Uematsu-san in persona che, in una grande ovazione si siede al limite destro delle file. Assisto alle prove come se fosse il concerto ufficiale. Alla fine veniamo informati che il Maestro sarebbe stato disponibile verso le 18:00 per firmare autografi. Uscito dal capannone ne approfitto per mettere qualcosa sotto i denti e piazzarmi nei pressi dello stand prestabilito. dopo poco vengo attratto da un gruppetto di ragazzi che si ammassa in un punto, e vedo che tutti stanno fotografando Nobuo che si trova in un piano superiore al nostro, scatto qualche foto e tutti aspettiamo il momento di incontrarlo. Promessa mantenuta! Subito dopo, il grande compositore, si siede e uno alla volta ci fanno avvicinare per ricever un autografo di suo pugno! Più mi avvicino e più non ci credo e, appena arriva il mio turno, riesco appena a sussurargli un:” Os, Sensei” Lui sorridendo mi dice:” Buongiorno”, io subito rispondo.”Buongiorno” Lo guardo mentre firma il mio foglio e mi congedo con un enorme inchino ed un “Arigatò” subito ricambia il saluto e mi dileguo tra la folla ancora confuso. Il resto della giornata è dedicato a cercare un albergo per riposare. Trovato quasi subito, chiudo la stanza, ceno con un menù del Mcdonald, e mi distruggo sul letto.

28/10/2007: Il secondo giorno è stato molto più tranquillo del precedente. Intanto la sveglia è suonata alle 10:00 dopodicè l’ intera mattina ho passato a cercare dei regali per gli amici, ma non trovando altro che bandiere di Firenze e statuine della torre di Pisa, ho rinunciato con grande amarezza. Solito pranzo con McMenù e ritorno in stanza per contemplare gli autografi e le foto. Verso le 15:00 ho ri-organizzato le cose e sono partito verso la Fortezza da Basso. Dopo essermi procurato la solita mappa ho serpeggiato con più sicurezza tra gli stand trovando fcilmente la fila che già stava nascendo alle porte dello stand (location spostata all’ ultimo minuto). Ancora una volta in fila a parlare di musiche e dettagli di Final Fantasy aspettando la sera. A un paio di ore dallo spettacolo delle 19:00 (iniziato alle 20:00) la fila era già infinita. Dopo l’ ennesimo passagio di Nobuo Uematsu davanti alla fila con relativo placcaggio, l’ aria si è iniziata a scaldare. Impazienza, voglia di agguantare il primo posto, spinte, minaccie (leggere) della sicurezza e alla fine una corsa nel minor tempo possibile dall’ ingresso ai primi posti. Io ero per lo spettacolo dele 21:00 ma la storia è stata identica. Il concerto è indescrivibile, bravisimi i musicisti, il direttore d’ oerchestra e il Maestro in primissima fila centrale. Per tutto il concerto ero combatutto se fare riprese o guardarlo attentissimamente. Dal mio quarto posto dal margine destro del blocco di sinistra in seconda fila (dopo quelle prenotate) ho vissuto l’ esperienza che attendevo da 7 anni. Memorabile il discorso finale di Uematsu. Finito il concerto, torno in albergo e preparo il viaggio di ritorno.

29/10/2007: Sveglia alle 05:00 e alle 07:20 parte il treno Intercity da Firenze diretto a Roma. Arrivo alle 09:50 con il solito dolore alle gambe che non mi impedisce di prendere il trenino, arrivare a casa e ricordare 3 giorni INDIMENTICABLI E INDESCRIVIBILI!

P.S. Aggiunto album di foto del concerto

GRAZIE MAESTRO NOBUO UEMATSU! TORNI PRESTO IN ITALIA, L’ ASPETTIAMO!

27-28/10/2007 Concerto Nobuo Uematsu a Firenze (Italia)ultima modifica: 2007-11-01T21:20:00+00:00da highwindcid
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “27-28/10/2007 Concerto Nobuo Uematsu a Firenze (Italia)

  1. Ciao!
    Ho trovato per caso il link al tuo blog sul sito ffonline.it!
    Ho scuriosato qua e là e guardando qualche foto ti ho riconosciuto 😛
    Io ero all’estremità destra della fila dove eri seduto tu al concerto e ero pure alle prove ^^
    (beh, nn so se ti ricord di me, forse se vedi qualche foto sì)
    Cmq un bellissimo concerto! Speriamo che Nobuo torni!!
    Oddio un concerto non basta… e poi è durato troppo pocoooo!! XD
    Ciaooo

Lascia un commento